87ff_8f41

Obesità. Studi dimostrano che influisce sul cervello

Può l’obesità incidere sulle nostre funzioni cognitive ? Secondo uno studio condotto sui topi da laboratorio, si. I chili di troppo soprattutto nei primi anni di vita possono avere delle conseguenze non positive sulle nostre funzioni celebrali durante la vecchiaia.

I ratti sottoposti ai test hanno dimostrato già dopo due settimane i primi deficit di apprendimento in seguito ad una dieta ricca di grassi.

Il deficit è in sostanza provocato da modificazioni epigenetiche nel cervello che rimangono anche in seguito al mutamento della dieta con il ripristino della normale omeostasi metabolica. Le conseguenze della dieta ricca di grassi sono state quindi registrate anche nelle ultime settimane di vita dei ratti.

In conclusione, quando l’obesità insorge nei primi anni di vita può provocare delle modificazioni irreversibili nei cervello.

Un argomento tutt’altro che estraneo all’uomo vista l’emergenza dell’obesità infantile.

Tuo figlio mangia troppe schifezze ? La colpa è della TV. Alcuni consigli
Obesità infantile: alla ricerca delle cause. Il contesto sociale ed economico

Lascia un commento

Your email address will not be published / Required fields are marked *